5 giorni on-the-road nella Sicilia orientale

19:36:00

La Sicilia è una regione che può accontentare qualunque tipologia di turista: l'amante della vita da spiaggia e del bel mare, l'appassionato di storia e cultura, chi ama la natura incontaminata e anche i  viaggiatori più golosi grazie ad un'offerta eno-gastronomica da leccarsi i baffi!

Periodo: la stagione in cui la Sicilia offre il meglio di se è sicuramente l'estate. Tuttavia la sua posizione geografica le dona un clima gradevole tutto l'anno in particolare in primavera e autunno, forse le stagioni più indicate se siete interessati maggiormente ad una visita culturale piuttosto che al mare.

Viaggio: Come ormai avrete capito se posso evitare di prendere l'aereo per viaggiare, preferisco. Non c'entra la paura di volare ma il fatto di godersi il viaggio, poterlo personalizzare strada facendo e renderlo esso stesso parte integrante della vacanza. L'estate scorsa quindi, io e la mia compagna Patrizia per raggiungere la Sicilia non ci abbiamo pensato due volte, abbiamo caricato la macchina e siamo partiti per l'ennesimo viaggio on-the-road. Per alleggerire le numerose ore di viaggio potete fare come noi e fermarvi una notte o nei pressi di Roma o in Calabria per imbarcarvi poi la mattina seguente.

Alloggio: noi siamo partiti senza un'idea precisa dell'itinerario. Abbiamo deciso giorno per giorno cosa visitare e dove fermarci affidandoci per le prenotazioni degli alloggi al fidato sito booking.com. Abbiamo dormito ogni notte in un posto diverso e anche prenotando il giorno prima se non addirittura il giorno stesso abbiamo sempre trovato disponibilità anzi, abbiamo anche approfittato di super offerte dell'ultimo minuto. Alla fine del post potete trovare le informazioni riguardanti tutti i posti in cui abbiamo soggiornato.

1° giorno:
Dopo esserci imbarcati a Villa San Giovanni attraversiamo lo stretto di Messina, davanti a noi la costa siciliana. Vi consiglio di fermarvi a comprare il biglietto in un autogrill dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria in modo di arrivare al porto e potervi imbarcare immediatamente senza alcuna attesa. La traversata dura circa 20 minuti e ci sono partenze ogni mezz'ora.


Come prima tappa decidiamo di salire sull'Etna, il vulcano più grande d'Europa e tra i più attivi del mondo. Arrivando da Messina prendete l'autostrada verso Catania e seguite le indicazioni per Zafferana Etnea da dove parte la strada serpeggiante che vi condurrà a 1.900 metri d'altezza dove potrete ammirare alcuni crateri e colate laviche del passato.


Salendo, la rigogliosa vegetazione ai lati della strada lascerà spazio ad un paesaggio quasi lunare





Dall'area di sosta, dove si trova un rifugio-ristorante, partono una seggiovia e diverse escursioni per raggiungere i punti più elevati del vulcano. Quel giorno purtroppo non erano accessibili in quanto il vulcano era in attività.


Un bellissimo ciuffo di Ginestra, specie che cresce rigogliosa sulle pendici del vulcano.


La sommità dell'Etna fumante. Il rumore sordo che si udiva, simile a un tuono continuo era abbastanza inquietante.


Salutiamo il vulcano e ritorniamo verso l'elegante Taormina. Costruita sulle pendici di una collina, è quasi a picco sul mare.
Il teatro greco di Taormina è una delle sue principali attrazioni, dove d'estate, quasi tutte le sere, si tengono concerti di famosi artisti italiani e internazionali.



Dal teatro si gode di un'ottima vista oltre che sul mare anche sul paese

La spiaggia più famosa di Taormina è Isola Bella, una spiaggia di sassi con un'acqua limpidissima e fronteggiata da una piccola isoletta raggiungibile a piedi con la bassa marea. E' una riserva naturale definita "la Perla del Mediterraneo". Per arrivare a questa spiaggetta vi consiglio di prendere la teleferica che dal centro del paese vi porta direttamente qui in quanto trovare un parcheggio è pressoché impossibile!



Scogliere a picco sul mare...



Rientrati in camera ci siamo goduti la vista sul paese con il mare sullo sfondo, poco prima del tramonto



La piazza centrale di Taormina, con il Duomo, comincia a riempirsi con l'arrivo della sera.


Col buio abbiamo potuto ammirare lo spettacolo dell'Etna in eruzione


2° giorno:
Panorama mattutino dalla terrazza dell'albergo


Porta Catania, uno degli ingressi principali della città di Taormina


Lasciata Taormina ci siamo diretti a sud e poco dopo Siracusa ci siamo fermati alla bellissima spiaggia di Fontane Bianche, dove abbiamo trascorso quasi l'intera giornata.


Arrivati in albergo, prenotato poche ore prima, abbiamo scoperto che si trovava all'interno dell'Ippodromo del Mediterraneo, una struttura unica in Europa.


La sera abbiamo visitato Siracusa, in particolare l'Isola di Ortigia, collegata alla città da tre ponti. Piena di vita e di ristorantini tipici non potete perderla. Le chiese e i palazzi in stile barocco siciliano vi stupiranno



3° giorno:
Il terzo giorno ci aspettava la spiaggia di San Lorenzo a Marzamemi, quasi sulla punta più meridionale della Sicilia. Sicuramente tra le spiagge più belle che abbia mai visto; perché andare ai Caraibi quando abbiamo questo spettacolo anche in Italia?


Salutare la spiaggia di Marzamemi è stato davvero difficile ma sapevamo che ci attendeva un'altra splendida meta: Modica. Ebbene si, non siamo a Rio de Janeiro, questa riproduzione del Cristo della città brasiliana abbraccia Modica dall'alto.


Modica ha due cattedrali dove il barocco siciliano raggiunge il massimo splendore, questo è il duomo di San Pietro


Modica è famosa anche il suo caratteristico cioccolato. Non potete non passare da questa cioccolateria per un assaggio.


Modica è una città costruita sul fianco di una collina, percorriamo caratteristici vicoli per raggiungere la seconda cattedrale, più elevata rispetto alla precedente, e per ammirare il panorama dall'alto. 


















Il meraviglioso duomo di San Giorgio



La balconata fiorita di fronte alla cattedrale offre un bellissimo panorama sulla città.


L'agglomerato di case arrampicate sulla collina


4° giorno
Oggi raggiungiamo Punta Secca, un piccolo paesino di pescatori dove il tempo sembra essersi fermato



Qui si trova la casa del commissario Montalbano, il telefilm tratto dai romanzi di Andrea Camilleri


La spiaggia di Punta Secca, quel giorno il mare era agitato.


Il viaggio on-the-road prosegue, direzione Valle dei Templi, nella brulla campagna siciliana che ci regala bellissimi paesaggi.




Eccoci arrivati alla Valle dei Templi, che si scorge già in lontananza


Il parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, caratterizzato da un incredibile stato di conservazione, è il più grande del mondo ed è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO.


Tempio della Concordia riflesso:


Oltre ai resti archeologici, è bellissimo anche il panorama che si estende fino al mare.


Il secondo grande tempio dell'area è il tempio di Giunone.


Il tempio della Concordia


All'interno del parco, proprio di fronte al tempio, si trova questo enorme ulivo secolare.


La bella passeggiata per raggiungere il tempio di Giunone. L'orario migliore per visitare il parco è sicuramente verso l'ora del tramonto, non solo per i colori che assumono le tonalità migliori ma anche per evitare le torride temperature che si raggiungono durante il giorno.


Il tempio della Concordia visto dalla posizione rialzata del tempio di Giunone.


Da questa posizione ci si rende conto della quantità di ulivi presenti nell'area...


Salutiamo la Valle dei Templi quando il sole è ormai sceso dietro le colline


5° giorno:
Non lontano dalla Valle dei Templi, si trova questa meravigliosa bianca scogliera a picco sul mare, la Scala dei Turchi.



Potete facilmente raggiungere la cima della scogliera grazie a una sorta di scala naturale e godere di un fantastico panorama.



Ultima tappa prima di tornare a Messina per reimbarcarci è stata Enna, definita "ombelico della Sicilia", capoluogo di provincia può elevato d'Italia. La città in sé non presenta particolari bellezze artistiche o architettoniche, tuttavia la vista che si può godere dalle terrazze panoramiche vale decisamente la pena di fare tappa in questa città.


  

In attesa del traghetto ci godiamo l'ultimo cannolo siciliano sulla spiaggia, guardando lo stretto di Messina.


Informazioni:
Itinerario:

Alloggi:
_ Taormina - Hotel Continental
_ Siracusa - Eureka Palace
_ Modica - Rooms Inn
_ Valle dei Templi - B&B Baglio degli Angeli, villaggio Mosè

Distanze:
Messina - Etna: 100km - 1h30'
Etna - Taormina: 55km - 1h
Taormina - Siracusa: 120km - 1h30'
Siracusa - Marzamemi: 50km - 50'
Marzamemi - Modica: 40km - 50'
Modica - Punta Secca: 40km - 45'
Punta Secca - Valle dei Templi: 120km - 2h
Valle dei Templi - Scala dei Turchi: 13km - 20'
Scala dei Turchi - Enna: 100km - 1h40'
Enna - Messina: 185km - 2h10'

Costo approssimativo a testa viaggiando in coppia:
Traghetto a/r+Hotels+Cibo+benzina = circa 250,00 €


Voi avete mai visitato la Sicilia? Avete seguito un itinerario diverso?
Per qualsiasi informazione ulteriore non esitate a contattarmi, alla prossima!

You Might Also Like

0 commenti

Popular Posts

Follow us on Facebook

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.