Viaggi tra amiche: due giorni a Valencia

by - 10:33

Ciao a tutti!

Oggi vi portiamo a Valencia, una città spagnola spesso sottovalutata ma che ultimamente sta tornando in voga anche grazie alle numerose iniziative delle compagnie di volo low cost.
La città ha una dimensione tale da permettere un viaggio toccata e fuga, un'evasione dalla routine di tutti i giorni o dal capo che vi stressa a meno di 150 € tutto compreso (noi eravamo partite sabato mattina e tornate domenica sera).

Il trasferimento dall'aeroporto al centro città è comodissimo. Proprio sotto il terminal si trova la fermata della metropolitana (in servizio dalle 5:30 alle 24). Due linee, la 3 e la 5, vi condurranno nel centro di Valencia in 25 minuti al costo 4,90 €.

Di Valencia mi è piaciuta soprattutto la sua doppia anima: una antica e una moderna.

Il centro storico, l'anima antica, comprende tra gli altri edifici il Mercado Central e La Cattedrale.

Mercado Central

Somiglia vagamente a quello di Barcellona, in stile modernista, ricoperto da vetrate colorate, ospita bancarelle di ogni genere. Pesce, carne, frutta, verdura, latticini e souvenir.
Nella piazza antistante ci sono tantissimi bar e locali dove pranzare o cenare all'aperto. Gli orari degli spagnoli sono un po' diversi dai nostri: pranzano verso le 14.30 e cenano anche dopo le 22.30 quindi fate una bella colazione.

Mercado Central Valencia

Cattedrale di Santa Maria

E' una delle chiese più importanti di Spagna, è prevalentemente in stile gotico ma nella sua architettura si fondono anche elementi del romanico, barocco, neoclassico e rinascimentale, a causa del prolungamento dei lavori per la sua costruzione.
Qui si trova il Sacro Graal, il calice che utilizzò Gesù durante l'ultima cena. Le porte d'ingresso sono tutte diverse tra loro e da quella principale è possibile accedere ai 271 scalini della torre campanaria: il Miguelete. Dall'alto si può contemplare una magnifica veduta panoramica di Valencia e della sua campagna.
Costo ingresso cattedrale: 6 € compresa l'audioguida
Per salire al Miguelete: 2 €

Cattedrale di Santa Maria Valencia

Miguelete vista panoramica Valencia

Giardini del Turìa

Per passare dal centro storico a quello moderno, vi consiglio di passeggiare attraverso i Giardini del Turìa, l'ex letto di un fiume. L'atmosfera è quasi tropicale anche in inverno e in 30 minuti circa raggiungerete la Città delle arti e delle scienze.

Giardini del Turìa Valencia

Città delle Arti e delle Scienze

Disegnata dall'architetto valenciano Santiago Calatrava è un esempio impressionante di architettura moderna ed è costituita da 5 aree:

- il Palazzo delle Arti Regina Sofia destinato all'opera e alle arti sceniche;
- l'Emisferico: Cinema Imax e planetario;
- Il Museo della Scienza Principe Felipe;
- L'Oceanogràfic : Parco marino all'aperto;
- l'Ágora: uno spazio versatile per lo svolgimento di manifestazioni varie.

Città delle Arti e delle Scienze Valencia

Per visitarla tutta sono necessari più giorni, io mi sono dedicata al divertente museo delle scienze applicate.

museo delle scienze applicate Valencia

Esistono biglietti cumulativi con cui è possibile entrare in più strutture. Sul sito ufficiale si possono trovare tutte le informazioni relative alle diverse tipologie di biglietto.

La spiaggia

Ultima, ma non per importanza, la spiaggia. E' sconfinata, così come il lungomare. Tantissimi negozietti carini e ristoranti appetitosi permettono di passare piacevolmente qualche ora... io adoro il mare d'inverno ma immagino che d'estate questa zona sia molto più popolata.

spiaggia Valencia

E se tutto questo ancora non vi bastasse, sappiate che Valencia è la città madre della Paella!

Se state organizzando il vostro viaggio a Valencia vi consiglio di fare un salto su questo sito CLICCA QUI, troverete una cartina interattiva della città utile e divertente se invece siete già stati in questa bellissima città raccontateci il vostro itinerario!

A presto,

Patty =)

You May Also Like

2 commenti

  1. Ciao Matteo ci sono stato anche io a Valencia e devo dire che la città mi è piaciuta molto. Mi è piaciuta molto la parte moderna con la zona Calatrava (Museo, Oceanographic, Emisferico e Palau Reina Sofia). Visitati quasi tutti. Avevo un cumulativo che mi aveva fatto entrare in tutte le attrazioni. Da vedere ma soprattutto da fotografare per chi è appassionato. Molto bello il centro storico con la Plaza de l'Ayuntamiento e il parco del Turia, per chi volesse fare una passeggiata. Personalmente, se posso, consiglio di andare a vedere il Bioparc e fare una gita fuori porta ad El Palmar, paesino di pescatori presso il lago di Albufera. Non ultimo ma non meno importante è dove andare a mangiare. Consiglio la catena Neco, si mangia bene, self service senza spendere troppo. L'importante è andare prima dell'apertura.. Saluti. Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto, ci dai sempre ottimi consigli! Sicuramente li terrò in considerazione nel nostro prossimo viaggio :) Non conosco la catena Neco, spero di trovare qualche locale in giro nelle prossime tappe
      Grazie mille e a presto!

      Elimina