Cerca consigli per il tuo prossimo viaggio...

Powered by Blogger.

Whitsunday Island: come ritrovarsi sulla spiaggia più bella d'Australia

Ciao viaggiatori!

Con grande gioia torniamo a parlare di Australia. Di quell'avventura che ci ha fatto innamorare della terra dei canguri grazie ai suoi paesaggi e ai suoi colori.

In particolare vi vogliamo mostrare e raccontare come raggiungere una tra le spiagge più belle del mondo. E non siamo solo noi a dirlo, con una veloce ricerca su internet vedrete che questa spiaggia compare in tutte le classifiche.

Ancor prima di arrivare in Australia avevamo visto alcune immagini di queste isole e di queste spiagge. Pensavamo fossero ritoccate, che non potesse esistere davvero un posto del genere.

Ci sbagliavamo.

Abbiamo dovuto aspettare 9 mesi dal nostro arrivo laggiù prima di riuscire a raggiungerle ma alla fine ce l'abbiamo fatta.

Ora vi mostreremo perché ci tenevamo tanto a vederle con i nostri occhi.

Stiamo parlando delle paradisiache isole Whitsunday e ora vi daremo tutte le informazioni utili per visitarle e scoprirle nel migliore dei modi.

Whitsunday island whitehaven beach australia

Se state già programmando un viaggio in Australia non potete escluderle dall'itinerario.
Se invece vi piace sognare ad occhi aperti continuate a leggere e non rimarrete delusi :-)

Informazioni generali


Le isole Whitsundays sono un arcipelago di 74 isole tropicali situate poco distanti dalle coste del Queensland.

Si trovano nei pressi della Grande Barriera Corallina, sicuramente tra le mete più celebri di tutta l'Australia, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.

Questo arcipelago e in particolare la sua isola maggiore, la Whitsunday appunto, è famoso soprattutto per le spiagge bianchissime e l'acqua cristallina. Sono isole in gran parte disabitate e incontaminate.

Come raggiungere Whitsunday Island


La cittadina del Queensland più vicina alle Whitsundays è Airlie Beach. Da qui partono tutte le escursioni dirette all'arcipelago.

airlie beach whitsunday australia

L'aeroporto più vicino ad Airlie Beach è il Proserpine Airport, il più piccolo aeroporto in cui siamo mai stati. L'aeroporto è collegato da voli interni che partono da tutti i principali aeroporti australiani, quindi ovunque voi siate potete raggiungerlo.
Cercate i voli sui siti delle due compagnie aeree australiane low cost: Jetstar e Tigerair.

E' distante una quarantina di km dal paese e per raggiungerlo potete utilizzare il Whitsunday Transit. Potete prenotare il vostro posto su questo pullman andando sul loro sito internet e selezionando la destinazione esatta dal menu a tendina. Si può prenotare direttamente andata e ritorno al costo di 18$ a tratta.

Se invece preferite viaggiare via terra potete utilizzare i pullman di Greyhound, che connettono tutte le località dell'Australia.

Se siete backpackers controllate sui social network se qualcuno deve raggiungere la vostra stessa destinazione o mettete voi un annuncio, potreste condividere viaggio e spese ;-)

Dove alloggiare


Per quanto riguarda l'alloggio Airlie Beach offre parecchie alternative, dai costosi resort vista mare ai più economici ma sempre molto curati ostelli.

Da backpackers non potevamo che optare per l'ostello e ne abbiamo scelto uno davvero super!
E' il Magnums Airlie Beach, situato proprio nella via principale, a due passi dalla spiaggia, e che spiaggia!

airlie beach spiaggia australia

Vi avevamo già parlato di come gli ostelli australiani siano molto diversi da come li intendiamo comunemente qui in Italia. Sono sempre molto curati, puliti, con grandi spazi comuni e servizi di ogni tipo.

Il Magnums è situato in un'ambientazione che ricorda la foresta pluviale con tante soluzioni alloggio, dalle stanze private alle camerate.
Il vero punto di forza di questo ostello è che ti offre diverse possibilità di escursioni alle Whitsunday Islands, il principale motivo per cui vi trovate qui :-)

Escursione alle isole Whitsunday


All'ingresso dell'ostello si trova una sorta di gazebo in legno dove dovrete fare il check-in.
Proprio qui troverete le varie proposte dell'ostello per visitare le Whitsunday, da escursioni in giornata a gite più lunghe di 1, 2 o 3 notti in barca.

Queste isole fanno parte del protetto Whitsunday Islands National Park e per questo motivo l'unico modo per raggiungerle e visitarle è con escursioni organizzate.

Dal momento che questi luoghi sono davvero spettacolari e unici al mondo noi abbiamo scelto l'escursione in barca a vela con due notti a bordo per godercele come meritano. E la consigliamo senza dubbio anche a voi (a meno che non soffriate molto il mal di mare).

Non preoccupatevi se avete già pagato le notti all'ostello, quelle che trascorrete in barca vi verranno scalate dal conto e in più riceverete anche una notte omaggio in ostello.
Per capirci noi avevamo pagato per 4 notti in ostello, ma togliendo le due notti in barca e quella omaggio, alla fine ne abbiamo pagata solo 1!

Al momento della prenotazione vi daranno direttamente loro tutte le indicazioni e informazioni sull'escursione. Vi diranno anche cosa portarvi dietro e potrete lasciare il resto dei vostri bagagli nel deposito custodito gratuitamente.

Ecco la Broomstick, la barca a vela che ci ha portato a scoprire questo angolo di paradiso e su cui siamo stati per 3 giorni e 2 notti in compagnia di un'altra ventina di ragazzi da tutto il mondo.

whitsunday escursione in barca a vela broomstick

I prezzi non si può dire che siano economici, anche se tutto dipende dalla durata dell'escursione.
Considerate comunque l'esclusività e la particolarità del luogo in cui vi trovate e il fatto che tutti i pasti sono compresi. E si mangia anche molto bene!

In base alla durata del tour che sceglierete visiterete diversi luoghi dell'arcipelago ma in ogni caso la tappa sicura è all'isola Whitsunday.

La barca non si può avvicinare troppo alla costa quindi dopo aver gettato l'ancora nelle acque incredibilmente azzurre del mar dei Coralli proseguirete verso la riva con un piccolo gommone.

barca a vela isole whitsunday australia

Come detto queste isole sono praticamente disabitate e hanno probabilmente lo stesso aspetto di quando James Cook le vide per la prima volta nel 1770.
Sono ricoperte di una lussureggiante vegetazione tropicale.

isola whitsunday vegetazione australia

Dopo averla attraversata raggiungerete il luogo più fotografato d'Australia: Hill Inlet Lookout.
E' un panorama letteralmente mozzafiato che le fotografie riescono a rendere fino a un certo punto.
Davanti agli occhi avete le incredibili sfumature d'azzurro di Whitsunday Island, colori che cambiano in continuazione in base al livello della marea e della luce del sole.

hill inlet lookout whitsunday australia

Dopo questa incredibile vista dall'alto si scende direttamente sulla spiaggia per una passeggiata su quella che è considerata, a buon ragione, tra le spiagge più belle del mondo, Whitehaven Beach.

Questi colori sembrano quasi irreali. Ciò è dovuto al fatto che la sabbia di questa spiaggia è costituita dal silice pura al 98%.

Ovviamente è vietatissimo lasciare qui qualsiasi tipo di rifiuto e portare via anche una piccola bottiglietta di sabbia.

"leave nothing but footprints, take nothing but pictures"

whitehaven beach australia whitsunday

Non è per niente raro avvistare razze o altri tipi di pesci nuotare indisturbati in queste limpide acque anche molto vicini alla riva.

whitehaven beach australia whitsunday

E' veramente un posto unico e si vorrebbe non andare più via ma proprio per preservare la magia di questo luogo il tempo a disposizione è limitato, solitamente un paio d'ore.

whitehaven beach australia whitsunday

Come detto ci troviamo nei pressi della Grande Barriera Corallina e quindi in praticamente tutte le escursioni è compreso lo snorkeling per dare un'occhiata alle meraviglie che si trovano anche sotto il livello del mare.

A seconda della durata dell'escursione ci saranno diversi momenti in cui si potrà fare snorkeling, nel nostro caso abbiamo avuto 3 occasioni in 3 punti diversi dell'arcipelago.

Tutta l'attrezzatura comprendente muta, maschera e boccaglio viene fornita durante l'escursione.

snorkeling whitsunday island australia

Per noi era la prima volta che facevamo un'esperienza del genere e il meraviglioso mondo che abbiamo trovato sott'acqua ci ha lasciato stupefatti.
Purtroppo a causa di un recente tornado c'erano pochi coralli ma le acque brulicavano di pesci coloratissimi.



Speriamo abbiate la fortuna di trovare un capitano e degli skipper simpatici e disponibili come quelli che sono capitati a noi che ci hanno anche lasciato il timone per un breve tratto :-)

barca a vela whitsunday islands australia

La nostra escursione di 3 giorni prevedeva la sosta anche su altre isolette dell'arcipelago delle Whitsundays, tra paesaggi altrettanto stupendi, spiagge incontaminate e coralli.

isole whitsunday australia

isole whitsunday grande barriera corralina australia

Potete facilmente immaginare la bellezza dei tramonti di cui abbiamo goduto dalla barca a vela e la meraviglia indescrivibile del cielo stellato sopra le nostre teste all'arrivo del buio.

isole whitsunday tramonto australia

In questa mappa potete vedere dove sono situati i luoghi di cui vi abbiamo parlato  in questo post:


Per altre informazioni sulle meraviglie della Terra dei Canguri andate a dare un'occhiata sulla nostra pagina dedicata all'Australia.

E voi avete mai visto una spiaggia più bella di questa?
Fateci sapere nei commenti se ci siete mai stati o se siete già alla ricerca di un volo per raggiungerle e vi servono maggiori informazioni :-)

Alla prossima!
Mat&Pat

2 commenti

  1. Wow! Che colori meravigliosi su quest'isola! Vien proprio voglia di partire subito! Peccato che non sia proprio comoda da raggiungere se no sarei già là

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Nicoletta!! Si diciamo che non è proprio dietro l'angolo! Anche noi ci perdiamo in viaggi mentali e ricordi ogni volta che guardiamo queste fotografie :-)

      Elimina