Cerca consigli per il tuo prossimo viaggio...

Powered by Blogger.

6 luoghi sacri imperdibili del Giappone

Ciao viaggiatori!

Si sarebbe tentati di iniziare una lista e non finirla mai su cosa vale la pena inserire nel proprio viaggio in Giappone perché i luoghi preferiti dipendono dai gusti di ciascuno, dalla predisposizione d’animo, dalle voglie e dallo stile.

Ciò nonostante, penso di poter dire che ci sono alcuni luoghi sacri che semplicemente non potete non vedere se pensate di atterrare sul suolo nipponico.

Perché?

Perché sono luoghi fondamentali della cultura giapponese che ne rappresentano l’essenza spirituale.
Perché sono meravigliosi e bisogna riempirsi di meraviglia quando si viaggia.
Perché ogni volta che ho nominato questi luoghi ai giapponesi con cui ho parlato, gli si illuminavano gli occhi e mi dicevano “Che brava, proprio la base del nostro Paese”.

Allora siete pronte e pronti? Partiamo!

KIYOMIZU-DERA – KYOTO

Uno dei complessi sacri più visitati e più amati in tutto il Giappone, il tempio dell’acqua di Kyoto si trova arroccato sulla splendida e verdeggiante collina a est del centro.
Vi si trova infatti una grande fonte (cascata Otowa) nella quale è di rigore bagnarsi mani e labbra secondo il rituale tipico, cioè utilizzando una sorta di piccolo mestolo con il quale raccogliere l’acqua che sgorga dalla fonte.
L’edificio principale è imponente e trasuda spiritualità e storia da tutte le crepe del suo meraviglioso legno scuro e massiccio. Inoltre, se si procede verso la piattaforma lignea sul retro, si può godere di una vista splendida sulla città di Kyoto.

Kiyomizu-dera kyoto giappone

Da non perdere la discesa nella cripta buia (costo 100 yen), una vera e peculiare esperienza di spiritualità buddista in cui dovrete camminare nell’oscurità più totale per raggiungere una pietra sacra illuminata che si trova in una sala nel cuore delle fondamenta del tempio, dove potrete esprimere il vostro desiderio.
Non esitate poi a passare alla Jishu-Jinja, il santuario shintoista accanto al tempio, dedicata all’amore. Troverete innumerevoli porta fortuna e potrete osservare chi, a occhi chiusi, tenterà la traversata della solitamente numerosissima folla per raggiungere una pietra al centro: chi riesce nell’impresa, otterrà una grande fortuna, soprattutto sentimentale.

Jishu-Jinja kyoto giappone

FUSHIMI INARI TAISHA

Il più grande santuario shintoista del Giappone, si trova a sud di Kyoto ed è facilmente raggiungibile in treno, la fermata si trova davvero a due passi dal santuario. Con i suoi 10 mila torii rossi, i portali in legno rosso offerti dai fedeli, il percorso del tempio dedicato a Inari si estende su tutta la montagna sacra.

Fushimi inari taisha kyoto giappone

Consiglio caldamente di andare prima del sorgere del sole non solo per godere dell’alba che illumina piano piano i torii, ma anche per evitare di trovare orde di turisti e scolaresche urlanti che non vi permetterebbero di godere appieno di questa esperienza mistica, fisica e personale immersi in una natura rigogliosa.
Ci vogliono circa 60-80 minuti a piedi per percorrere il sentiero che porta in cima al monte sacro e tornare all’ingresso, dipende dalla vostra forma fisica e da quante foto vi fermate a scattare ;-)
Questo santuario è così famoso che è stato usato come set di vari film, tra cui Memorie di una geisha (2005).

BYODO-IN – UJI

Il favoloso e colorato tempio buddista si trova… sul retro della moneta da 10¥!
Aneddoti a parte, Byodo-in è il meraviglioso tempio della fenice di Uji, piccola cittadina del Kansai famosa in quanto patria del tè verde e soprattutto del prelibato matcha.
È possibile visitare la Sala della fenice (Hôô-dô) prenotando una visita guidata all’ingresso. Purtroppo la visita è solo in giapponese, ma ne vale la pena per poter vedere la sala e camminare, rigorosamente scalzi e seguendo la guida, sui pavimenti dell’XI-XII secolo di questo iconico tempio.

tempio della fenice di Uji giappone

A Uji si trovano ovviamente numerosi negozi e sale da tè, l’ideale per assaporare questa buonissima bevanda e, perché no, assistere a una cerimonia del tè.

IL GRANDE BUDDHA DI TODAI-JI – NARA

Il tempio buddista di Nara, prefettura non lontana da Kyoto e antica capitale del Giappone, è la più grande costruzione in legno al mondo e ospita al suo interno l’enorme Daibutsu bronzeo che troneggia pacifico di fronte alle centinaia di persone che visitano ogni giorno questo grandissimo tempio.
Dopo aver camminato a bocca aperta e naso all’insù per tutto il tempio, notate poco prima di uscire una strana colonna con un foro alla base: se vi ci intrufolate dentro e riuscite a passare in un colpo solo, vi porterà molta fortuna.
Godetevi anche il grande parco che circonda il tempio perché ospita una folta colonia di cervi e cerbiatti completamente liberi che scorrazzano allegramente fra i visitatori e gli abitanti. Se volete, per qualche centinaia di yen, potrete dar loro da mangiare i senbei, crackers di riso: se siete fortunati, i cervi vi faranno un inchino per ringraziarvi del pasto che avrete offerto loro :-)

todai-ji nara giappone

Qualora il vostro viaggio si limitasse alla città di Tokyo e dintorni, a circa 1 ora di treno dalla città potrete ammirare un altro grande Daibutsu bronzeo (leggermente più piccolo di quello di Nara ma assolutamente meraviglioso) nel tempio di Kôtoku-in di Kamakura. Sarete sicuramente rapiti dal Buddha immerso nella foresta verdeggiante e nella quiete, ancor più apprezzata dopo il caos acustico di Tokyo.

tempio di Kôtoku-in di Kamakura daibutsu bronzeo

MIYA-JIMA

L’isola di Itsuku-shima, più spesso chiamata Miya-jima, si trova nella baia di Hiroshima.
È uno dei luoghi sacri più famosi e importanti di tutto il Giappone, il cui grande torii rosso immerso nell’acqua è un vero e proprio simbolo del Paese. Non solo l’isola è un paradiso verde dove, un po’ come a Nara, i cervi vivono liberi e passeggiano per strada, ma è anche ricca di templi meravigliosi e di un artigianato locale di grande qualità.

Miya-jima hiroshima giappone

Oltre al famosissimo tempio sull’acqua, Itsukishima-jinja, sul quale vengono talvolta recitate delle opere di teatro tradizionale, si trovano altri templi risalendo la collina. Raccomando in particolare il tempio di Daisho-in, uno dei templi più belli che abbia visto in Giappone, con i suoi piccoli e numerosi edifici colmi di dettagli, le lunghe ruote della preghiera con incise le sutra buddiste, le statuette e le sculture disseminate ovunque e infine, ma non per importanza, la Grotta di Henjokutsu, una sala buia illuminata esclusivamente da delle lanterne appese al soffitto: un’atmosfera magica.

Grotta di Henjokutsu giapponetempio di Daisho-in giapponetempio di Daisho-in giappone


Famosa per l’artigianato in legno, nella via principale Omote-sando troverete numerosi negozi di prodotti locali e soprattutto l’enorme cucchiaio di legno per il riso, simbolo dell’isola.
Non dimenticate di assaggiare anche le celeberrime e gigantesche ostriche cotte, prelibatezza locale.

Omote-sando giappone

SENSO-JI – TOKYO

Il più antico tempio di Tokyo, risalente al VII secolo, si erge nel cuore del quartiere di Asakusa, ultimo baluardo del Giappone tradizionale presente nella capitale.
È davvero un luogo imprescindibile per un qualsiasi viaggio a Tokyo perché il complesso sacro in sé ha un fascino tutto suo sia di giorno, in cui si possono ammirare i colori intensi nonostante la massa di gente che lo popola, sia di sera, deserto ma illuminato da luci soffuse che rendono gloria ai dettagli non visibili di giorno.

senso-ji tokyo giappone

Interessante ed elettrizzante è Nakamise-dori, la via di fronte al tempio che ospita decine di bancarelle che vendono souvenir, cibo (come gli Asakusa dango) e prodotti artigianali. L’atmosfera frizzante che si respira è veramente qualcosa di straordinario, imperdibile!

Per qualsiasi altra informazione lasciate un commento o scriveteci :-)

Alla prossima!

Michela

Diventa guest blogger

Nessun commento