USA road trip - San Francisco

by - 18:18

Buongiorno a tutti! Nell'ultimo post vi avevo parlato di come organizzare un viaggio negli USA anche con un budget limitato. Come anticipato, ora vi darò qualche consiglio e informazione, sempre accompagnati da fotografie, sulle principali tappe del nostro viaggio.

Iniziamo da SAN FRANCISCO, la città che per prima ci ha accolto negli USA e dove siamo atterrati la sera del 22 settembre.
Arrivati in aeroporto abbiamo comprato subito il Visitor Passport, in modo da muoverci liberamente con i mezzi pubblici i giorni seguenti.
Qui a San Francisco abbiamo soggiornato per 3 notti con Airbnb nello splendido alloggio di Nancy: SF Urban Haven & Secret Garden. Per chi non ha mai utilizzato questa tipologia di alloggio, provatela!! Vi farà sentire a casa e potrete avere informazioni da chi la città la vive ogni giorno. Cliccate su questo link per avere uno sconto di 18 €.

23 settembre - 1° giorno:

La mattina del primo giorno un spirito di curiosità, esaltazione e incredulità ci scorre nelle vene. Appena usciti di casa scorgiamo lo skyline della città di fronte a noi e non vediamo l'ora di raggiungere il centro per iniziare a visitarla. L'alloggio si trova del quartiere di Portero Hill, una tranquilla zona residenziale distante pochi minuti dal centro con i mezzi pubblici.


Scendiamo all'Embarcadero e facciamo una bella passeggiata ammirando a sinistra i grattacieli della city...


...e a destra la baia di San Francisco e l'Oakland Bay Bridge che collega la città ad Oakland passando per Treasure Island.


Raggiungiamo il Ferry Building, un tempo il cuore del commercio marittimo di San Francisco. Oggi, benché da qui partano ancora i traghetti che attraversano la baia, è diventato principalmente un centro culinario dove assaggiare piatti tipici locali, oppure si può fare shopping nei piccoli negozi di prodotti d'artigianato.


Continuiamo la camminata sull'Embarcadero baciati da sole settembrino che rende la temperatura ottima! 


Vediamo finalmente comparire il Transamerica Pyramid, grattacielo simbolo della città.


La passeggiata prosegue ai piedi della Telegraph Hill, su cui si trova la Coit Tower e anche lussuosi appartamenti.


Eccoci arrivati al Pier 39, sicuramente il più famoso tra i numerosi moli della città. Qui si trovano tantissimi negozi che vendono oggetti e souvenir di ogni genere e altrettanti sono i luoghi in cui poter mangiare. E' un po' un covo per i turisti ma vale comunque una visita.





Dal molo si può scorgere l'isola di Alcatraz, la celebre prigione di massima sicurezza che ha visto tra le sue celle il famigerato Al Capone. La prigione è visitabile ma occorre acquistare i biglietti con largo anticipo sul sito internet. Per nostro interesse personale abbiamo preferito guardarla da lontano e  dedicare più tempo alla visita della città, avendo solo 2 giorni a disposizione per esplorarla.


Una particolarità del Pier 39 è la costante presenza di leoni marini, beatamente sdraiati a prendere il sole. Visti da vicino non sono quei teneri animali che ci si può immaginare, e soprattutto puzzano!



Un must della cucina di San Francisco è il crab sandwich, un panino ripieno di polpa di granchio e maionese, assolutamente da non perdere!!
In generale l'offerta culinaria di San Francisco è estremamente variegata, potete trovare ristoranti con piatti proveniente da ogni parte del mondo. Noi abbiamo provato la cucina messicana, vietnamita e turca.


Tappa successiva Lombard Street, nominata la strada più tortuosa del mondo. Si snoda infatti su 8 tornanti su un pendio ripidissimo. Ai lati sorgono splendide case circondate da cespugli di ortensie.


Sfruttando il nostro visitor passport prendiamo un autobus e saliamo sulla Telegraph Hill dove si erge la Coit Tower, alta 64 metri, un monumento ai vigili del fuoco di San Francisco. E' possibile salire sulla torre (pagando) ma anche dal basso è possibile scorgere i luoghi più famosi della città e godere di una splendida vista sullo skyline.


In lontananza scorgiamo per la prima volta il celebre Golden Gate Bridge.


Da qui è anche possibile ammirare Lombard street nella sua interezza e si capisce bene perché ha ricevuto quel riconoscimento.


Come detto dalla Telegraph Hill si gode di uno splendida vista sulla città e il suo skyline




Come sapete gli americani sono leggermente nazionalisti e bandiere degli Stati Uniti e della California sventolano ovunque!


Scesi dalla collina ci dirigiamo verso il Financial District dove sorge il Transamerica Pyramid


Qui si trova anche una piccola, storica libreria, cuore della Beat Generation, la City Lights Books


Se amate la letteratura non potete perdervela. Salite al piano superiore per una evasione nella poetry room.


Ci ritroviamo ai piedi di questi giganti di cemento e acciaio...


...e alzando lo sguardo si scoprono particolari geometrie! 


Adiacente al Financial District si trova China Town, uno dei principali quartieri della città, il cui ingresso è ben riconoscibile. 


Union Square Park è una delle piazze centrali di San Francisco, un vero e proprio paradiso per gli amanti dello shopping!


Non possiamo non provare un giro sul Cable Car, il tradizionale mezzo di trasporto di San Francisco. Nel visitor passport sono compresi viaggi illimitati su questi mezzi, altrimenti il prezzo è di 7$ a tratta. 


E' una sorta di tram senza finestrini ne porte e quando è affollato si viaggia letteralmente aggrappati all'esterno. E' un'esperienza da non perdere!


Con il Cable Car raggiungiamo la Grace Cathedral, sulla cima di Nob Hill, la collina più alta della città. 



Tornando verso l'appartamento ci godiamo il primo tramonto californiano.


24 settembre - 2° giorno:

Dopo una colazione in stile americano con toast e burro d'arachidi siamo pronti per il nostro secondo giorno a San Francisco. Prima meta della giornata sono le cosiddette Painted Ladies, una serie di splendide case in stile vittoriano che si trovano in Alamo Square.


Alle loro spalle si stagliano i grattacieli di San Francisco.
Questo è uno dei posti più fotografati della città, direi che merita no?


No, non ci siamo persi in un bosco, stiamo entrando nel Golden State Park, un enorme parco che si estende fino all'oceano al cui interno si trovano numerosi punti d'interesse.


I principali sono la California Acadamy of Sciences, quella che si vede con il tetto ondulato e il de Young Museum, un museo di arte moderna dalla cui terrazza è stata scattata questa fotografia. L'accesso a questa terrazza panoramica è gratuito è indipendente dalla visita al museo.


Una piccola oasi di pace che si trova nel Golden Gate Park è il Japanese Tea Garden, un bellissimo giardino in stile giapponese. L'ingresso costa 7$ e ne vale assolutamente la pena. Una volta usciti penserete che il vostro prossimo viaggio sarà in Giappone!


Un luogo fuori dai classici itinerari turistici che vi consiglio assolutamente di vedere è la Mosaic Steps, una lunga scalinata interamente ricoperta di colorati mosaici.


Qui non troverete orde di turisti a disturbarvi e, dopo aver salito i suoi 163 gradini, potrete godervi una splendida vista sull'oceano.


Abbiamo deciso di lasciare il vero ed inconfondibile simbolo di San Francisco quasi alla fine. E' il Golden Gate Bridge, uno dei ponti più famosi del mondo, che attraversa lo stretto tra l'Oceano Pacifico e la Baia di San Francisco.
Solitamente nel tardo pomeriggio il ponte viene avvolto dalla nebbia ma il tempo è stato dalla nostra parte e la giornata è limpidissima!


Il ponte è attraversabile gratuitamente a piedi mentre con la macchina bisogna pagare un pedaggio.


Sotto il ponte si trova Fort Point, una fortificazione costruita appena prima della guerra civile americana per difendere la baia di San Francisco.


Dal ponte si può godere di un'incredibile vista sulla città. Non è necessario attraversarlo tutto (sono quasi 2 km) ma vi consiglio di percorrerne almeno un tratto.


Attraversando il Presidio Park che circonda l'area del Golden Gate Bridge scorgiamo il San Francisco National Cemetery.


Tornando verso l'appartamento ci fermiamo al Mission Dolores Park, nel Mission District, uno quartieri più caratteristici della città. Qui è pieno di ragazzi che si ritrovano per rilassarsi, chiacchierare, bere una birra e suonare la chitarra.


I tramonti in California sono sempre spettacolari, ed è proprio seduti in questo parco che ci godiamo questo secondo ed ultimo tramonto su San Francisco.


Purtroppo abbiamo avuto giusto il tempo di assaporare l'atmosfera cosmopolita e all'avanguardia di San Francisco, una città unica al mondo assolutamente da visitare.

La mattina seguente avrà inizio il vero viaggio on-the-road.
Continuate a seguire il blog e nel prossimo post scoprirete le mete successive... vi do soltanto un'anticipazione: Yosemite National Park!

You May Also Like

0 commenti