USA road trip - Carmel by the Sea & Yosemite National Park

16:13:00

Buongiorno a tutti! Rieccomi a raccontarvi la seconda tappa del nostro road trip negli Stati Uniti. C'eravamo lasciati a San Francisco -vedi post- pronti a partire per il vero viaggio on-the-road.
Come anticipato nell'ultimo post, la seconda destinazione del nostro viaggio è lo Yosemite National Park, ma non abbiamo certo percorso la strada più breve per raggiungerlo... andiamo con ordine :-)

25 settembre - 3° giorno:

Il primo appuntamento del 3° giorno è stato al ritiro della macchina. Per la prenotazione abbiamo utilizzato il sito rentalcars.com il quale, confrontando diverse compagnie di noleggio, offre diverse possibilità. La più conveniente è risultata la Dollar con sede proprio nel centro di San Francisco.

Qualche consiglio per il noleggio:
_ il costo del noleggio è in media molto basso, ma se avete meno di 25 anni dovrete pagare una sovrattassa
_ il guidatore aggiuntivo è gratuito se ha più di 25 anni
_ vi verrà offerta un'assicurazione aggiuntiva da pagare in loco, io vi consiglio di acquistarla: non costa tanto e sarete più tranquilli qualunque imprevisto dovesse capitarvi
_ se avete già un TomTom acquistate le mappe che vi interessano e utilizzate questo, funziona benissimo ed è più conveniente
_ in America c'è il cambio automatico, ma non temete, dopo i primi minuti di assestamento vi renderete conto che è una pacchia guidare senza dover pensare alle marce!
_ portatevi sempre dietro una borsa frigo dove tenere delle scorte di cibo e acqua
_ la benzina costa davvero poco, circa 0,80$ al litro anche se vedrete cifre diverse ai distributori in quanto là si misura in gallons

Dopo aver ritirato la macchina ed impostato il navigatore abbiamo iniziato a macinare chilometri. Come detto la nostra destinazione era lo Yosemite National Park. Tuttavia non potevamo non percorrere almeno un tratto della celebre Pacific Coast Highway (Highway 1), forse la più famosa e spettacolare delle strade americane, che collega San Francisco a Los Angeles costeggiando il Pacifico.




Decidiamo di arrivare fino a Carmel by the Sea (200 km), una piccola cittadina affacciata sull'oceano nella penisola di Monterey. Arrivati a Monterey potete percorrere, per raggiungere Carmel, la 17th Miles Drive, una scenografica strada privata (quindi a pagamento) che si sviluppa sulla penisola. Noi abbiamo deciso di non percorrerla essendo anche le altre strade statali molto panoramiche.
Carmel è un paese molto piccolo e tranquillo, ricco di cultura e di arte. Sono presenti infatti numerose gallerie d'arte e vari negozi d'antiquariato e di alta moda. Il paese si sviluppa attorno ad una via centrale che arriva fino all'oceano. Qui si trova una bellissima spiaggia.


Le case sono molto particolari e ognuna diversa dall'altra.
Tra i proprietari delle case di Carmel vi sono numerosi personaggi famosi tra cui Brad Pitt, Jennifer Aniston e Clint Eastwood che è stato anche sindaco del paese.




Non dimenticatevi di entrare nella Carmel Bakery, un paradiso per i più golosi!


Carmel Plaza è il "centro" del paese, qui si trovano numerosi negozi e locali.
Da sottolineare che Carmel è molto animal friendly!


Come detto il paese è ricco di arte e passeggiando si incontrano simpatiche panchine artistiche


Nel tardo pomeriggio salutiamo Carmel e ci rimettiamo in viaggio diretti verso lo Yosemite National Park.
Poichè alloggiare all'interno del parco è molto costoso abbiamo deciso di fermarci appena fuori, passando la notte a Coulterville (280 km da Carmel)


26 settembre - 4° giorno:

Arrivando di sera con il buio (e quando dico buio intendo proprio che non c'era neanche una luce!) non ci siamo resi conto esattamente di dove eravamo arrivati. La mattina abbiamo scoperto che Coulterville è una semi "ghost-town", un paesino piccolissimo in cui il tempo si è fermato nell'800. Per me è stata una delle esperienze più incredibili e inaspettate del viaggio, per l'atmosfera irreale di questo paese e per le persone che abbiamo incontrato con cui abbiamo avuto il piacere di fare 4 chiacchiere.




Ecco il nostro b&b, il Rose Cottage prenotato con Expedia. Considerate che a Coulterville non ci sono molte alternative di alloggio quindi occorre prenotare con parecchio anticipo per trovare un posto.


Questa è la cucina/salotto vintage in comune con le altre camere, in cui abbiamo fatto colazione.



La reception del b&b si trova all'interno di questo bazar, un incredibile negozio pieno zeppo di oggetti di ogni tipo.



Di fronte si trova lo storico Hotel Jeffery.


Usciti dal b&b abbiamo scoperto che proprio quel giorno si svolgeva un raduno di meravigliose auto d'epoca, macchine che non si vedono proprio tutti i giorni! 




E' arrivato il momento di partire per lo Yosemite National Park, il primo parco nazionale ad essere istituito negli Stati Uniti. Sulla strada ci siamo fermati a fare rifornimento sia di carburante sia di cibo.


Prima meta è la Yosemite Valley, sicuramente il luogo principale e più visitato del parco. Qui si trova infatti il Visitor Centre e sempre da qui partono i più bei sentieri. Tutte le informazioni riguardanti il parco le potete trovare sul sito ufficiale.



La strada per raggiungerla è molto bella, immersa nel bosco.


Non poteva mancare un inseguimento ad una Mustang, stile "fast and furious"


Il primo spettacolo che ci accoglie appena arrivati nella Yosemite Valley è El Capitan, un monolite che raggiunge l'altezza di 2.300 metri con una imponente parete verticale.



Nel parcheggio campeggiano enormi camper americani, una vera e propria casa sulle ruote come quelli che si vedono nei film.


Per spostarvi all'interno della Yosemite Valley sono a disposizione degli shuttle gratuiti che vi porteranno ai principali punti d'interesse.
Tra i numerosi sentieri tra cui scegliere abbiamo optato per il "Lower Yosemite Fall trail", un bel sentiero molto semplice che si snoda tra le sequoie.


Ricordatevi di guardare sempre verso l'alto!


Abbiamo avuto la fortuna di incontrare un cerbiatto, tranquillo e indifferente ai turisti che si avvicinavano.


Si trovano anche alberi caduti che rivelano radici ormai "pietrificate"


La meta del sentiero è appunto la lower Yosemite fall che tuttavia a causa della storica siccità che sta colpendo la California era completamente asciutta. Il periodo migliore per ammirare le numerose cascate del parco è la primavera, quando comincia a sciogliersi la neve


Tra i numerosi animali che abitano il parco si trovano anche molte varietà di uccelli.


Gli incendi sono sempre in agguato in California e i vigili del fuoco non possono farsi trovare impreparati!


Il più famoso hot spot dello Yosemite Park, il suo tratto distintivo, è sicuramente l'Half Dome, una immensa roccia granitica alta 2.700 metri con una parete verticale di oltre un chilometro. E' una montagna unica al mondo e il più grande sogno di ogni scalatore. Si può raggiungere la vetta percorrendo un lungo e complicato sentiero.


Qui siamo sul Sentinel Birdge, il punto panoramico migliore per ammirare l'Half Dome.


Dopo un pic-nic riprendiamo la macchina per raggiungere il Tunnel view, da cui si gode una tra le più spettacolari vedute della Yosemite Valley, con El Capitan in primo piano sulla sinistra e l'inconfondibile profilo dell'Half Dome in lontananza.



E' ora di salutare la Yosemite Valley e iniziare a percorrere la Tioga Road, una spettacolare strada panoramica che attraversa il parco fino all'uscita sul lato est. Il paesaggio comincia a cambiare, dominato dal contrasto tra il verde e il bianco delle rocce, che sembrano quasi neve. Ricordatevi di controllare sempre sul sito ufficiale se questa strada è aperta in quanto d'inverno a causa della neve non è percorribile.



Un imperdibile punto panoramico è l'Olmsted Point.


Incredibile come questi alberi riescano a crescere letteralmente tra le rocce.


L'incredibile vista che si gode dall'Olmsted Point


Proseguendo lungo la strada si comincia a scorgere in lontananza un laghetto che si rivelerà spettacolare...


E' il Teyana Lake, un limpidissimo laghetto montano ideale per rinfrescarsi e rigenerare i piedi immergendoli nelle sue gelide acque.



Il parco è veramente immenso e i paesaggi continuano a cambiare. Qui stiamo attraversando le Tuolumne Meadows, delle vaste praterie da alte cime e da cui si diramano numerosi sentieri.


Dopo aver percorso circa 100 km dalla Yosemite Valley arriviamo al Tioga Pass, situato ad oltre 3.000 metri di quota, che segna l'uscita dal parco.


La strada ora ricomincia a scendere ma rimane sempre spettacolare! La voglia di fermare la macchina ad ogni curva per scattare fotografie è fortissima



Arriviamo quindi a Lee Vining, il primo paese che si incontra uscendo dal parco verso est. Come Coulterville anche questo è un paesino molto piccolo, con una strada centrale in cui si trovano un market, uno shop, una lavanderia qualche bar e motel.



Anche qui non mancano le enormi roulotte americane!


Dopo una giornata intensa come quella appena trascorsa ci riposiamo nel nostro romantico private cottage del Lake View Lodge, prenotato su booking.com


Queste le tappe principali della giornata, i due paesini ai lati opposti del parco e al centro la Yosemite Valley:


Se siete curiosi di sapere come prosegue il nostro viaggio on the road continuate a seguire il blog, prossimamente si parlerà di Death Valley e Las Vegas!

Link alla terza tappa

You Might Also Like

0 commenti

Popular Posts

Follow us on Facebook

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.